Ristrutturazione degli edifici storici dei centri città e del patrimonio rurale
Restoration of historic buildings in city centers and of rural estates

contatto: tel 059223979 - cel 333 4744091 - info@petra2000.it

Cantiere in corso n.2 (Luglio-Agosto '17)

Con la ripresa del cantiere a Maggio 2017 abbiamo in primis operato le demolizioni della vecchia “barchessa”, dei locali di servizio e del solaio del fienile, poi sono stati effettuati gli scavi di fondazione e costruite le sottofondazioni per il consolidamento delle strutture (vedi Cantiere in corso n. 1).
Nella seconda fase di luglio-agosto si sono effettuate le opere di drenaggio e canalizzazione delle acque di falda, isolando muri e piano terra da possibili fattori di umidità di risalita; si è ricostruita ex novo la parte sud a struttura mista (pilastri in cemento armato dell’ex stalla e muratura portante in laterizio) e si è montato il tetto a due falde interamente in legno (orditura principale delle travi, perline in legno, isolante di cm 10, assito in legno e guaina impermeabile), che termina a sud con un portico sorretto da quattro colonne in pietra. Si è poi costruito il primo solaio a struttura mista (putrelle in acciaio di altezza 17 cm, travetti e perline in legno e successiva soletta di cm 6 in C.A.) sia nella parte nuova che nella parte dell’ex stalla. Nella parte nuova il solaio costituisce la zona a soppalco aperta sul sottostante ampio soggiorno di 60 mq; analoga la soluzione per il secondo solaio dell’ex stalla che costituirà la zona soppalcata da destinare o ad ampliamento del sottostante soggiorno o ulteriore zona notte.

(L'articolo prosegue dopo il video, cliccare su Leggi tutto)

Ora si procede a sagomare le bucature per formare le porte e le finestre nella ex stalla inserendo le cornici in pietra grigia sia nella parte nuova che nella parte vecchia del muro in sasso; a breve si procederà a ripulire il muro in sasso dalle incrostazioni dei vari intonaci per poi “stuccarlo” con velatura di malta a base di sabbia di fiume e calce con basso contenuto di cemento.
In breve le operazioni effettuate hanno avuto come obbiettivi di eliminare le possibili infiltrazioni d’acqua o comunque di umidità, di ottenere strutture antisismiche sia nella parte nuova che nella parte vecchia, di costituire degli spazi interni accoglienti senza aggiungere volumetrie, di ridare l’immagine esterna storica del muro in sasso a vista, con tetto in legno.

itinerari

Il Cimone